Pagine

sabato 26 maggio 2018

Fiori fiorellini e altro


Quest'anno ho seminato senza risparmio alcune varietà di fiori. Sono venute fuori piantine in abbondanza e ne regalerò a destra e a manca. Quelle che vedete, e che ho appena travasato, sono astri. Ad essi, in questi giorni, fanno visita in continuazione piccoli fiorellini bianchi. Figli di un albero soprastante. Sapreste dirmi che albero è?
(potete ingrandire la foto)

Buona domenica.

Intanto qui nella casa

Mostra di storia dell’agricoltura in via Berra
Là dove c’era l’erba ora c’è la città (e prima ancora paludi e una grande foresta). Ma quella casa in mezzo al verde... c’è ancora. Stiamo parlando di Casa Berra, in via Berra 10 a Milano, in particolare della mostra che l’ex convento di origine cinquecentesca ospita sotto i suoi portici sabato 26 e domenica 27 maggio (dalle 9 alle 20). Una mostra per ricordare le origini di Crescenzago (una volta comune autonomo e oggi quartiere milanese), dai primi insediamenti preistorici a quelli romani, dalla fondazione dell’abbazia al virtuoso sviluppo agricolo ad opera dei canonici agostiniani. Fino alla figura dell’agronomo Domenico Berra, vissuto qui sotto gli austriaci, e al comitato dei condomini che promosse il restauro della casa e la tutela delle Belle Arti negli anni Novanta. Il tutto sullo sfondo della storia dell’agricoltura, come anteprima dell’offerta alle scuole per il prossimo anno di una mostra didattica sulle origini di Crescenzago e sulle  tappe evolutive dell’agricoltura a livello globale, come questa abbia influenzato il pensiero dell’uomo, dalla religione alla nascita delle classi sociali e delle civiltà. Sarà già visibile in questi giorni,  sotto i portici di Casa Berra, una nutrita anticipazione intitolata “Storia dell’agricoltura fra sincretismo religioso e paganesimo” con l’esposizione di oggetti della tradizione contadina della "collezione Cesare Capone", e dei "ferri" apotropaici (un tempo usati per annullare influssi magici negativi) raccolti da Roberto Messa.



QUI tutte le foto del sabato (237 post).

sabato 19 maggio 2018

Quando il falso è così falso...


Ho scattato la foto in un grande magazzino cinese (Aumai) vicino a casa. Quando ho visto questa sedia "firmata" Pierre Cardin venduta a prezzi stracciati, come stracciati sono tutti i prezzi lì dentro, m'è scappata un'espressione di sorriso divertito. E ho pensato che quando il falso è così evidentemente falso diventa vero, cioè si trasforma in un oggetto di arte surrealista o se volete dadaista. E che quindi anche la legge sulla merce contraffatta non valga.

Buona domenica.



QUI tutte le foto del sabato (286 post).

sabato 12 maggio 2018

Toilette pubblica

Milano, via Benedetto Marcello

Volevo scrivere cesso ma poi, visto il significato negativo che si dà a questo sostantivo anche in senso figurato, ho ripiegato sul termine francese toilette, come se la sostanza non fosse la stessa. Vatti a sapere i labirinti ipocriti del linguaggio. Bene, veniamo al dunque. Come potete vedere indicato dalla freccia il tempo massimo per espletare i propri bisogni è di 20 minuti. E dopo? E dopo cosa succede al malcapitato che è ancora dentro? Non riesco proprio a immaginarlo. Forse potete immaginarlo voi.

Visto il governo che ci aspetta penso che ogni tanto una facezia faccia bene alla salute.

Ripeto dunque la domanda. Cosa succede al malcapitato che è ancora dentro?


Buona domenica.



QUI tutte le foto del sabato (285 post).

mercoledì 9 maggio 2018

Luciano D’Alfonso (Pd), presidente della Regione Abruzzo, rimane anche senatore

Luciano D'Alfonso

Luciano D'Alfonso

È un'indecenza. Della politica e del Pd.

Succede che questo signore (signore mica tanto) sia stato aletto il 4 marzo senatore della Repubblica nel liste del Pd. Non gli bastava avesse già l'impegno di presidente della Regione Abruzzi. Evidentemente aveva del tempo libero e non sapeva come occuparlo.

Ieri l'assemblea regionale, favorevoli 16 contrari 15, ha confermato che D’Alfonso può rimanere lì, sia governatore sia eletto di Palazzo Madama.

Fino a quando "il popolo" potrà sopportare simili schifezze?

sabato 5 maggio 2018

Oggi, duecento anni fa, nasceva Marx

Carlo Marx

Milano, banchetto vicino a casa sul naviglio Martesana

Duecento anni fa, il 5 maggio  del 1818, nasceva a Treviri in Germania, Carlo Marx.

Potete pensarla come volete ma non potete negare che quest'uomo ha cambiato la maniera di vedere il mondo e la società che lo fa muovere.

Buona domenica.


QUI tutte le foto del sabato (284 post).

mercoledì 2 maggio 2018

L'algoritmo dello sfruttamento

Milano, primo maggio, corteo dei sindacati di base


Ieri hanno aperto il corteo dei sindacati di base del primo maggio i rider delle consegne di cibo a domicilio.

Diventare ciclofattorino per le piattaforme digitali di food delivery è facilissimo. Basta avere una bicicletta, uno smartphone, iscriversi al sito e iniziare ad attendere che l'algoritmo dell'applicazione inizi ad incrociare la propria posizione gps con le richieste di consegna di cibo dai ristoranti della città. Per migliaia di persone è un lavoro, senza diritto alcuno. Proprio niente di niente. Tanto a consegna. E se si cade? Peggio per te. E se hai l'influenza? Peggio per te. Eccetera. Intanto le società dell'algoritmo si ingrassano sulla pelle di chi pedala e in Italia non pagano un euro di tasse. 4 punto zero, 5 punto zero, 6..., si arriverà di questo passo alla schiavitù vera e propria, come una volta. Anche in altri campi.


Il fardello da portare in bici a destinazione

sabato 28 aprile 2018

Il mondo a rotoli


Milano, a un mercatino rionale

Spero di avervi strappato un sorriso.
Buona domenica.




QUI tutte le foto del sabato (283 post).

mercoledì 25 aprile 2018

Buon 25 aprile

Buon 25 aprile

Mi chiedo cosa ne sarà di questo giorno fra cinquant'anni.